Il Monte Fuji Day

by

Shizuoka, Giappone: che i giapponesi amino il Monte Fuji non è una notizia, ma lo sapevate che la loro devozione è così grande da indire addirittura un giorno dell’anno come festa dedicata al monte sacro? Ebbene il 23 Febbraio è chiamato Monte Fuji Day. Il Fuji, la vetta più alta del Giappone con un’altezza di 3.776 metri, al confine tra le prefetture di Shizuoka e Yamanashi, è un vulcano di forma quasi perfettamente conica.

fuji Il Monte Fuji Day

Diventato icona nazionale, il vulcano attira orde di turisti alla Prefettura di Shizuoka ogni anno. Molte scuole della prefettura di Shizuoka hanno scelto di chiudere per il 23 Febbraio. Il periodo non è stato scelto a caso ovviamente, perchè Febbraio è un mese che con il suo cielo limpido, ne fa uno dei mesi migliori per ammirare il picco innevato. Il 23 ha anche un significato speciale per la famiglia reale.”In futuro, sarà una festa nazionale visto il compleanno del principe ereditario”, così ha commentato Heita Kawakatsu, governatore di Shizuoka.

fuji2 1024x679 Il Monte Fuji Day


Mount Fuji in Japan

Altro motivo che ha fatto cadere la scelta sul giorno 23 è perchè il monte Fuji, o “Fuji san” in giapponese, suona come i numeri 2, 2, 3, quindi si è deciso che il 23 Febbraio sarebbe stata la data migliore per celebrarlo. La speranza del governatore di Shizuoka è anche quella che l’UNESCO inserisca il Fuji nell’elenco dei patrimoni dell’umanità. In termini di forma e di tipo di vulcano però, il monte Fuji non è considerato raro, ma il suo significato culturale per i giapponesi è immenso.

fuji4 1024x679 Il Monte Fuji Day

fuji5 1024x768 Il Monte Fuji Day

Per secoli, i pellegrini hanno scalato il suo apice, e sono stati creati molti santuari lungo le strade che portano al monte, ed alcuni torii sono stati messi direttamente sulle sue pendici, come prova dello status sacro del vulcano. Ora, elegante e tranquillo, il Monte Fuji non potrà rimanere così per sempre. Infatti purtroppo si tratta di un vulcano attivo e ci sono serie possibilità che potrebbe, ancora una volta, eruttare con conseguenze devastanti. Anche se è inattivo dal 1707, la prefettura è costantemente in allerta, e tiene esercitazioni periodiche con i membri delle forze di autodifesa e dei pompieri.