12 ragioni per visitare il Giappone nel 2012: seconda parte

by

     Maggio – Scalare la torre più alta del mondo

Ne abbiamo già parlato più volte nei mesi scorsi, che si dovrà aspettare fino a Maggio per poter visitare la nuova Tokyo Sky Tree. La tanto attesa apertura al pubblico è prevista per il 22 Maggio 2012. L’attuale struttura, registrata come torre televisiva, è la più alta in Giappone e attualmente anche la seconda costruzione più alta al mondo, dopo il Burj di Dubai. La torre promette una vista impareggiabile della capitale del Giappone e dei suoi dintorni, tra cui il Monte Fuji. Anche se il suo scopo principale sarà quello di trasmettere segnali televisivi, la torre avrà anche due ponti di osservazione, uno a 350 metri e l’altro a 450, che sarà caratterizzato da una passerella esterna in vetro. La sua comoda posizione nei pressi del quartiere Asakusa, significa che i visitatori saranno in grado di provare allo stesso tempo quello che più caratterizza il Giappone, ovvero l’estremo tecnologico affiancato all’antica tradizione.

tokyo sky tree 12 ragioni per visitare il Giappone nel 2012: seconda parte

     Giugno –  Andare a teatro

Il Noh è la forma più antica di teatro giapponese, in cui gli attori indossano elaborati costumi e maschere in legno laccato, e che si muovono e recitano a fasi incredibilmente lente, e che non fanno trasparire alcuna emozione dalle loro voci. E’ anche una delle forme più antiche del mondo di teatro musicale, visto che spesso gli spettacoli prevedono l’accompagnamento di flauti e tamburi tradizionali. Guardando una performance Noh, questa evoca immagini di un Giappone antico, ma il Takigi Noh, o “il falò Noh,” porta questo concetto ancora più in là. Eseguita solo alla luce di alcuni falò, in templi storici di tutto il paese, la performance può essere un’esperienza molto  affascinante. Tra tutti spicca senza dubbio quella che annualmente viene fatta al tempio Heian Jingu a Kyoto, che si tiene di norma l’1 o il 2 Giugno, sicuramente una delle rappresentazioni del Takigi Noh più spettacolare in assoluto.

takigi noh 12 ragioni per visitare il Giappone nel 2012: seconda parte

     Luglio – Scalare il Fuji

L’annuale stagione per la scalata del Monte Fuji (3.776 metri), comprende solo due mesi, Luglio e Agosto, durante i quali oltre 300.000 escursionisti risalgono le sue pendici, per poter ammirare l’alba dalla vetta. Le escursioni di recente hanno visto un’incremento di appassionati, e semplici amatori alle loro prime scalate all’aperto, il che ha portato ad un aumento di scalatori delle varie montagne sacre, e non, sparse lungo tutto il paese. Quindi, perchè non approfittare di questo trend e tentare la scalata del Fuji-san già all’apertura della stagione, cioè il 1° di Luglio? Basta ricordarsi di coprirsi per bene contro il freddo pungente che troverete sulla sommità del monte, e di portare con voi un sacco a pelo, cibo e acqua.

fuji 12 ragioni per visitare il Giappone nel 2012: seconda parte

    Agosto – Vedere il festival delle luci

Sappiamo tutti che il turismo in Giappone quest’anno, e soprattutto quello nella regione del Tohoku, ha subito un duro colpo dopo il disastro dell’11 Marzo scorso. Una buona occasione per i turisti, per dare il loro sostegno a quelle regioni colpite dal terremoto e dallo tsunami, potrebbe essere quello di presenziare al Sandai Matsuri. L’evento in realtà vede tre feste separate, ciascuna con un diverso tipo di celebrazione Tanabata (stella del festival). Il Matsuri Nebuta di Aomori, che si tiene dal 2 al 7 di Agosto, presenta una sfilata notturna di enormi carri allegorici illuminati, affiancato da ballerini, suonatori di tamburi taiko e altri musicisti. Le sfilate notturne possono essere viste anche dal 3 al 6 di Agosto, durante il Kanto Matsuri in Akita, in cui gruppi di artisti tengono in equilibrio lunghi pali di bambù, su cui sono appese decine e decine di lanterne. Infine c’è il Tanabata Matsuri di Sendai, che si tiene dal 6 all’8 di Agosto, dove tutti i centri commerciali della città, sono letteralmente sommersi da migliaia di stelle filanti colorate, che arrivano a misurare fino a cinque metri di lunghezza.

A domani per la terza ed ultima parte.