Articolo già visitato

Il Giappone è un paese educato, si sa. Le regole delle buone maniere e del galateo giapponese sono molte, complesse e profondamente radicate nella loro cultura. La buona notizia è che è facile evitare di offendere seriamente qualcuno, basta utilizzare il buon senso per prima cosa, e cercare di evitare queste 7 cose assolutamente tabù.

Le pantofole per il bagno

etichetta giapponese

La cosa più imbarazzante che si possa fare in Giappone è quella di indossare le pantofole della toilette fuori dal bagno. Nella cultura giapponese è molto importante la separazione del puro dall'impuro. Per questo in Giappone esistono le pantofole igieniche, che vengono solo usate durante la permanenza nella toilette e sono considerate gli oggetti più sporchi dell'universo. Guai uscire e andare in altre parti della casa o dei locali pubblici con quelle pantofole, sarebbe come farla in mezzo alla stanza. 😀

Aiutare con le vostre bacchette

etichetta giapponese

Le buone maniere legate alle o-hashi (bacchette) sono più complesse di quanto ci si potrebbe aspettare. Se vedete qualcuno che lotta per prendere qualcosa con le bacchette, si potrebbe essere tentati di aiutarlo con le vostre. Non fatelo! Purtroppo questo atto ricorda molto il rito funebre in cui vengono trasferiti i resti delle ossa cremate dentro l'urna funebre (azione che viene fatta proprio con delle particolari bacchette). E' considerata una cosa morbosa e anche poco igienica, e per lo stesso motivo non utilizzate le vostre bacchette per prendere del cibo dal piatto degli altri.

Prendere un sakura

etichetta giapponese

I petali dei sakura sono un simbolo nazionale del Giappone. Sono considerati i fiori più belli (secondo l'estetica giapponese) perché sono impermanenti. I sakura fioriscono velocemente e poi cadono a terra nel giro di pochi giorni. Molte ben note poesie giapponesi, libri e canzoni utilizzano questo come analogia del cambiamento e della mortalità. Il petalo che cade è un'immagine nostalgica per molti giapponesi. Se volete un petalo di sakura, prendetelo da terra, non staccatelo direttamente dalla pianta o la gente penserà che siate dei barbari.

Bere prima del kanpai

etichetta giapponese

In Giappone, come da noi anche se in maniera decisamente più soft, è consuetudine fare "kanpai", il brindisi, prima di bere. Questo rituale viene sempre fatto, sia che siate in gruppi molto piccoli o molto grandi, tra amici o colleghi di lavoro. Bere prima del kanpai vi farà sembrare egoisti, antisociali e indisciplinati. Ah, ed evitate di dire "cin-cin", in giapponese la parola "cin" indica l'organo genitale maschile!

Inquinare le onsen

etichetta giapponese

Le onsen, come ho già avuto modo di spiegarvi, non sono un bagno per la pulizia del corpo. Sono bagni comuni che servono solo a rilassare corpo e anima. Ci si deve lavare per bene prima di immergervi, e se si salta la pulizia del vostro corpo le persone presenti ne saranno, giustamente, disgustate.

Inchini e strette di mano

etichetta giapponese

Quando siete in Giappone, per lavoro o turismo, è necessario presentarsi sempre con un inchino. In alcuni casi, la vostra controparte giapponese potrebbe supporre che voi non sappiate come inchinarvi, e potrebbero venirvi in aiuto porgendovi la mano per una stretta più occidentale. Questo può portare ad un mix confuso di inchini e strette di mano allo stesso tempo. Se siete in Giappone per lavoro si dovrebbe cercare sempre di limitarsi all'inchino. La stretta di mano in Giappone potrebbe risultare ridicola. Immaginate un uomo d'affari giapponese in viaggio d'affari in Texas che si inchina, è la stessa cosa, ci si deve adeguare alla situazione. Anche gli abbracci e i baci sono normalmente considerati tabù, molto intimi e da non fare in pubblico (anche se tra i giovani le cose stanno cambiando).

Dare del "tu"

etichetta giapponese

Il tu, in italiano e in inglese, è un pronome largamente utilizzato. Anche in giapponese esiste la sua controparte (贵方 - anata). In realtà, ci sono molte parole giapponesi per indicare "tu". Fate attenzione a usarle. In giapponese è buona educazione rivolgersi a quasi tutti i vostri interlocutori usando il loro nome. Se la situazione è formale è bene ricordarsi di utilizzare anche un suffisso di cortesia (san o sama). In genere anata si usa tra amici o con persone con cui si ha già confidenza, dare del "tu" con anata in altre situazioni può essere considerato come una grossa mancanza di rispetto nei confronti del vostro interlocutore.

I 7 peccati capitali dell’etichetta giapponese 2018-01-29T09:09:50+00:00 Godai - 五代