Articolo già visitato

Gli ujiko (氏子) sono un gruppo residente nella zona circondante le aree del tempio dedicate alla venerazione. Essendo il kami del tempio definito come ujigami (氏神), ujiko nasce quale vocaboli corrispettivo. Oltre ujiko, esiste anche il vocabolo sūkeisha (崇敬者): tra i due termini sussiste una differenza nella classificazione geografica (come indicato dall’art.15 del Jinja honchō kenshō), a seconda che la persona sia dello stesso distretto del tempio (ujiko) Ujiko o provenga da un distretto esterno (sūkeisha).

Anticamente la relazione tra il tempio e i gruppi di venerazione e i gruppi degli adepti si basava fortemente sullo ujibito (氏人, membro del clan ) e sullo ujigami; tuttavia, col trascorrere del tempo, furono aggiunti elementi del chinjugami (鎮守神, kami locali) e dello ubusunagami (産土神, kami guardiani del luogo di nascita), e concetti come ujibito, ubuko (生子, i seguaci degli ubusunagami) e ujiko furono mescolati e sviluppati nuovamente in combinazione. A metà del periodo Muromachi, la classificazione geografica incominciava a diventare un elemento importante come testimoniati nello Kanekuni Hyakushukashō. E’ presumibile pensare che proprio in questo periodo i concetti di ujigami e ujiko siano stati fermamente stabiliti. Nel periodo Meiji, la tradizione ujiko sarà trattata nelle politiche amministrative del tempio, mentre il sistema di registrazione dello ujiko shirabe (氏子調) verrà sospeso e presto sostituito dallo ujiko sōdai (氏子総代). A seguito dello Shūkyō Hōjinhō (宗教法人法, Legge sulle corporazioni religiose), sono stati sospesi tutti i regolamenti amministrativi del sistema ujiko, e oggi viene mantenuto in essere solamente in forza delle pratiche e credenze passate Anche i nuovi fenomeni urbani hanno contribuito al venir meno di questo sistema, facendo perdere la consapevolezza del tradizionale distretto degli ujiko.

Ujiko 2018-06-09T09:50:58+00:00 Marco Milone